UN MONDO D'ARGENTO

Breve storia dei supporti per la fotografia in Italia (1839 - 1939)

La F.I.L.M. : una scelta coraggiosa

    Nel 1921 la situazione precipitò: nelle sale furono proiettate poche decine di film italiani mentre quelli d'importazione salirono a 481 (USA 187, Germania 270, Francia 24). 
    Molte case italiane di produzione dovettero chiudere, attori e registi senza lavoro ricevettero proposte da altre nazioni, molti approdarono negli Stati Uniti; le cose non migliorarono negli anni successivi. 
    Quella era la situazione quando tra la fine del 1923 e gli inizi del 1924 la Film iniziò la produzione vera e propria; la società ed i suoi 123 dipendenti (2 laureati, 14 impiegati, 107 operai) erano riusciti a superare le difficoltà tecniche di produzione, la pellicola era di buona qualità ma purtroppo le vendite non andavano bene ed il prodotto si accumulava invenduto nei magazzini. 
    Anche con l'aiuto della Pathè, trovare spazio in un mercato dominato da Kodak ed Agfa era difficile ed inoltre alla Film si lavorava in perdita; il prezzo corrente di un metro di pellicola cine positiva era di una lira ma a Ferrania fabbricare quel metro costava una lira e quaranta centesimi.     
    In un primo momento la società cerco di reagire aumentando il proprio capitale (venne portato a 20 milioni di lire) per potenziare gli impianti di produzione e tentare così di abbassare il prezzo di costo, ma la situazione era troppo compromessa e prima la SIPE e poi la Pathè cedettero le proprie quote al Credito Italiano con cui la Film era indebitata. 
    Nel 1925 la nuova proprietà affidò la gestione della società ad un giovane laureato in economia e commercio, il Dr. Franco Marmont Du Hautchap (classe 1891) a cui venne caldamente suggerito di procedere alla liquidazione dell'azienda. 
    Ma fortunatamente il nuovo direttore, constatato che la pellicola prodotta a Ferrania era di buona qualità, decise di tentare un'altra strada e di abbassare il prezzo di vendita da una lira a 80 centesimi al metro. 
    In un primo momento l'unico effetto fu un aumento delle perdite ma progressivamente aumentarono anche le vendite con il conseguente abbattimento di molti costi fissi ed alla fine del 1926 il bilancio della società era in pareggio. 
    Così il già citato Dr. Paolo Cassinis descriveva quel periodo sul Progresso Fotografico:
la FILM di Ferrania ebbe inizio tormentatissimo e cominciò a navigare con sicurezza soltanto quando il timone fu preso da mani italiane e divenne interamente italiana. 
Dopo il ritiro francese non vi fu del nuovo soltanto dal punto di vista economico, ma il programma primitivo di fare solo pellicole per cinematografia fu sostituito da uno ben più vasto. 
La fabbrica di Ferrania doveva cioè avviare anzitutto la produzione di pellicola cinema positiva, che poteva rappresentare il primo puntello economico, e poi servirsi di questo per sostenere ulteriori sviluppi al fine di completare gradualmente il quadro non piccolo dei prodotti fotografici. “
 
(P.F. 7/1939) 
    Nel 1927 iniziò la produzione di pellicola cinematografica negativa ma soprattutto nel 1926 era iniziata la produzione di pellicola piana per uso radiografico che fu da allora in poi uno dei prodotti più importanti e pregiati nel bilancio della società, un settore in cui la Film diventò un leader: nel 1931 il 75% del materiale radiografico utilizzato in Italia era fabbricato a Ferrania. 
    Nel 1927 il Dr. Marmont venne nominato presidente della Film e cominciò a radunare a Ferrania un numero sempre maggiore di tecnici e laureati via via necessari per raggiungere obiettivi sempre più ambiziosi. 
    Sicuramente l'intuito e le capacità di Marmont furono notevoli ma probabilmente l'azione dello stesso fu resa più efficace dalla considerazione che cinema e fotografia avevano presso il regime politico che andava in quegli anni affermandosi in Italia: il Fascismo.

     Testi vari per approfondimenti

     da Il Progresso Fotografico luglio 1933
pathe

pubblicità 1925

marmont

Dr Franco Marmont Du Hautchap


pellicola

etichetta di pellicola Film




HOME
INDIETRO
INDICE
AVANTI
INTRODUZIONE