UN MONDO D'ARGENTO

Breve storia dei supporti per la fotografia in Italia (1839 - 1939)

Produzione di materiale sensibile in Italia (1925-1935) :
nascita della FILM - Fabbriche Riunite Cappelli e Ferrania


    Alla fine la “convivenza” sfociò in “matrimonio” e sul Progresso Fotografico del novembre 1932 si leggeva: “ Con atto pubblico in data 14 corrente ha avuto luogo la fusione fra la Fabbrica Italiana Lamine Milano (FILM) e la Soc. Anon. M. Cappelli – Milano. 
    La nuova società viene pertanto ad assumere la seguente denominazione: (FILM) Fabbriche Riunite Prodotti Fotografici Cappelli & Ferrania. Tale fusione, ispirata soprattutto alle direttive del Governo Nazionale e che riunisce le attività tecniche e commerciali delle due note fabbriche italiane, sarà appresa con vivo interesse e soddisfazione.”

    Più che di una fusione si trattò della cessione ad una giovane e rampante azienda, con ormai 500 dipendenti e 90.000 metri quadri di stabilimento, della propria fabbrica da parte di uno stanco e vecchio Michele Cappelli, che morì di lì a poco, nel 1935, all'età di 81 anni.
    Sulla decisione di Cappelli probabilmente influì anche la crisi economica che iniziata negli Stati Uniti nel 1929 stava interessando in modo dirompente anche l'Italia. 
    La crisi colpì anche la nuova società Film-Cappelli o meglio colpì il Credito Italiano che della società era il maggiore azionista e nel 1933 anche le azioni dell'azienda fotografica finirono nel grande “calderone” chiamato I.R.I. 
    Fu una sistemazione assolutamente provvisoria perchè già nel 1935 la proprietà della FILM-Cappelli passò nelle mani della I.F.I. (Istituto Finanziario Italiano) di Torino ovvero la finanziaria della famiglia Agnelli già proprietaria della FIAT.

    Quindi a partire dal 1935 la FILM – Cappelli e Ferrania controllava di fatto tutta la produzione nazionale di materiale sensibile alla luce, era il momento di “conquistare”, con la benedizione del governo fascista, il controllo del mercato italiano del settore. 
    Nel segmento delle pellicole radiografiche l'egemonia era già acclamata e doveva essere solo mantenuta e consolidata, anche nel segmento cinematografico industriale, grazie all'aiuto del governo, la presenza era buona, ma molto più difficoltosa era la penetrazione nel segmento fotografico e cinematografico più comune, quello delle lastre e pellicole sensibili per dilettanti e professionisti, dove più forte era la concorrenza dei prodotti fabbricati all'estero, in particolare quelli provenienti dalla Germania e dagli Stati Uniti d'America. 
    Il già menzionato passaggio della FILM – Cappelli e Ferrania dall'IRI alla finanziaria della famiglia Agnelli creò le condizioni economiche per un piano di investimenti sia in campo industriale che in quello commerciale e pubblicitario.
    Gli investimenti industriali vennero concentrati soprattutto nello stabilimento di Ferrania e si mossero secondo varie direttrici: 
- aumentare la quantità di materiale sensibile prodotto soprattuto per quanto concerneva le pellicole cinematografiche e le pellicole fotografiche in rullo
- aumentare la qualità generale del materiale prodotto già in commercio 
- ideare e mettere in produzione nuovi prodotti in modo da stare al passo con la concorrenza straniera 
    Così nel 1936 venne creato a Ferrania il Laboratorio Ricerche la cui direzione venne affidata al dottor Tullio Aymar già dipendente della società Cappelli dove ricopriva il ruolo di direttore della produzione delle lastre per fotografia, settore in cui la Cappelli, e quindi anche Aymar, deteneva grandi conoscenze teoriche e pratiche. 
    Le ricerche di questo nuovo reparto erano finalizzate a realizzare presso lo stabilimento ligure la preparazioni di importanti materie prime che fino a quel momento venivano importate dall'estero, come ad esempio i sensibilizzatori cromatici necessari per la produzione delle pellicole pancromatiche: il lavoro di ricerca si concretizzò in poco tempo nella creazione di nuove unità produttive. 
    Nello stesso periodo si potenziò la produzione nei reparti esistenti e si iniziò a lavorare alla progettazione ed alla realizzazione di nuove e più moderne linee produttive.

fusione

fusione FILM-Cappelli: foto ricordo con Michele Cappelli ed i dirigenti della società di Ferrania 

pubb34

pubblicità 1934: la prima della nuova società

aymar

Dott. T. Aymar

pubb35

pubblicità 1935




HOME
INDIETRO
INDICE
AVANTI
INTRODUZIONE