UN MONDO D'ARGENTO

Breve storia dei supporti per la fotografia in Italia (1839 - 1939)

Il colore in Germania (1900 - 1915)

    Anche la Germania, come la Francia e l'Inghilterra, era una nazione in cui l'industria fotografica era fortemente sviluppata, eppure nel periodo in cui furono inventati i procedimenti sopra descritti (1900-1915) in quel paese non furono ideati prodotti innovativi per la fotografia a colori. 
    Certo, come abbiamo già scritto, l'industria chimica tedesca fu determinante nella preparazione di nuovi coloranti, gli stessi che resero possibile la realizzazione di emulsioni sensibili con migliori proprietà pancromatiche indispensabili nella preparazione delle lastre per il colore, ma gli industriali germanici non seppero sfruttarne per primi le possibilità innovative in fotografia. 
    La spiegazione di quel mancato successo potrebbe forse essere da ricercare in una crisi di sovraproduzione che proprio il quel periodo colpì l'industria fotografica tedesca.

    Leggendo alcuni articoli che furono pubblicati sulla rivista francese “L'Information Photographi-que” tra il 1906 ed il 1910 si viene a sapere che in Germania erano attive numerose industrie dedite alla produzione di articoli per la fotografia (lastre e carte sensibili, fotocamere ed accessori, ecc.), la produzione era molto articolata dal punto di vista qualitativo ma anche eccessiva da quello quantitativo e non riusciva ad essere completamente assorbito dal mercato interno o venduto sui mercati esteri anche a causa dei pesanti dazi doganali imposti da alcuni governi europei a protezione delle industrie nazionali del settore. 
    Per vendere il più possibile le varie industrie tedesche concorrenti iniziarono ad abbassare i prezzi dei loro prodotti ma questo comportò di conseguenza una flessione dei ricavi e dei guadagni; con meno utili ed un grande impegno da profondere sul fronte dei prezzi passarono in second'ordine lo studio e la ricerca per ottenere nuovi prodotti. 
    Solo nel 1909-1910 le industrie tedesche della fotografia cercarono e trovarono una soluzione al problema della sovraproduzione con un accordo tra i fabbricanti, in particolare tra quelli di carte fotografiche, e la nascita di una nuova società (I.C.A. - internationale Camera Aktiengesellschaft) che riuniva alcune tra le più importanti industrie di apparecchi fotografici: Hutting, Ernemann, Emil Wunsche, Dr. Krugener, Carl Zeiss. 
    Nel frattempo però il mercato del materiale sensibile per la fotografia a colori era in mano alle aziende francesi, in particolare alla Lumiere la cui egemonia venne ancora più rinsaldata dalla fusione con la Jougla.

    Testi vari per approfondimenti

    da L'Information Photographique luglio 1906

    da L'Information Photographique settembre 1907

    da L'Information Photographique marzo 1909

    da L'Information Photographique giugno 1909

    da L'Information Photographique dicembre 1909 nascita ICA

    da L'Information Photographique novembre 1910

1907
Import-Export Germania 1907

ica
pubblicità 1909

infophot
copertina da L'Information Photographique



HOME
INDIETRO
INDICE
AVANTI
INTRODUZIONE