FOTOCAMERE  BENCINI

Nuove varianti Erno   



Più volte ho ripetuto che la produzione della Bencini dei primi anni è in grado di riservare sorprese,questa volta la fotocamera al centro dell'attenzione è la Erno.
Tutto è iniziato alcuni giorni fa quando dal Canada ho ricevuto la segnalazione di una nuova variante dell'apparecchio in questione.
http://burntembers.com/2016/01/17/bencini-c-m-f-erno/

Questa Erno presentava varie differenze rispetto alle varianti da me illustrate nella relativa scheda:
   - non presentava scritte in inglese
   - mancava il mirino sportivo
   - mancava il bottone decorativo sulla barra di sblocco del gruppo obiettivo-otturatore
   - la manopola di avanzamento della pellicola aveva un disegno diverso con zigrinatura ininterrotta, simile a quella presente su altre folding costruite da Bencini come la Etna e la Delta

In virtù della presenza di tale manopola di avanzamento e dell'assenza di scritte in inglese è possibile ipotizzare che la fabbricazione della Erno sia iniziata nei primissimi anni del 1940, come correttamente ipotizzato da Ehpem, il felice possessore di questa variante, e non nel 1945-46 come da me pensato e scritto nella scheda del Grande Libro della Bencini.

Valida anche l'ipotesi di Ehpem sulle vicissitudini che potrebbero aver condotto la Erno dall'Italia fino al lontano Canada, forse il “bottino” o il “souvenir” di un soldato che aveva partecipato alla campagna di guerra nel nostro paese durante la Seconda Guerra Mondiale.








Ma le sorprese sulla Erno non erano finite perchè sempre l'amico canadese ha attirato la mia attenzione su una diversa variante da poco venduta su un sito di aste sempre in Canada; questo modello si poteva inserire tra la variante sopra descritta e la variante 1 della scheda del libro poiché aveva le seguenti caratteristiche:
   - non presentava scritte in inglese
   - mancava il mirino sportivo
   - aveva il bottone decorativo sulla barra di sblocco del gruppo obiettivo-otturatore
   - la manopola di avanzamento della pellicola aveva il disegno caratteristico con zigrinatura interrotta da una riga liscia centrale

Ma ancora non era finita; l'amico Roberto Ciappi a cui avevo chiesto un consiglio intorno alla fotocamera di Ehpem, mi spedì le immagini della sua Erno, una variante del modello che nella scheda sul sito viene indicato come variante 2.
Infatti in questo apparecchio intorno alla lente dell'obiettivo è presente solo la scritta “Cameras Manufactures”








In conclusione ci troviamo di fronte a ben 5 diverse varianti della fotocamera Erno le cui caratteristiche ho riassunto in una tabella;     i motivi di tali differenze credo siano ben spiegati da un commento di Roberto:

E' probabile che tutte queste versioni siano "involontarie", non dettate da un voluto cambio estetico ma dalla mancanza o meno di pezzi disponibili al momento o da piccoli cambi di metodo di lavoro sulla linea di produzione.
Comunque interessante perchè ci indicano che la modalità di produzione della Bencini nel dopoguerra non era strettamente di tipo industriale ma conteneva in sè ancora metodiche di tipo artigianale.
Ciò che veniva prodotto in serie poteva essere soggetto a piccole variazioni dettate dall'introduzione di partite di pezzi leggermente modificati o dalla mancanza momentanea di altri pezzi.”

Penso che sulla Erno si possa chiudere qui, ma solo per il momento perchè chissà quali sorprese ci possono ancora riservare le creature di Antonio Bencini.




indietro