FOTOCAMERE  ITALIANE  1946-1964
ITALIAN  CAMERAS  1946-1964
1948

    Nel 1948 in Italia fare fotografie era un lusso ancora irraggiungibile per il “proletariato dilettantistico” che lasciava le fotocamere a dormire in armadi e cassetti.                                                                                                                                                                  Alcuni interventi sul Progresso Fotografico avanzano critiche verso l'industria nazionale che puntava soprattutto sul formato 24x36 mm; gli apparecchi erano costosi ed era necessaria anche l'attrezzatura per ingrandire il negativo in fase di stampa, meglio non abbandonare i formati 6x6 e 6x9 cm per dare modo di usare anche fotocamere più vecchie, meno costose e con i quali non era indispensabile l'ingrandimento.

    L'industria italiana si poteva ancora giovare delle difficoltà della Germania, come già detto molte delle industrie più note erano nel territorio controllato dai Russi e sebbene avessero in parte ripreso l'attività praticamente nulla arrivava sui mercati occidentali e men che meno in Italia.                                                                                                                                                                                     Però anche nel territorio controllato dagli Americani cominciavano a nascere fabbriche in cui venivano replicate le produzioni fotografiche anteguerra, come ad esempio a Heidenheim in cui si insediò una fabbrica di prodotti Zeiss.

    Alla Fiera di Milano erano presenti alcune novità come le Fototecnica Herman e Bandi, ma sicuramente la fotocamera più ammirata fu la nuova versione della Rectaflex con pentaprisma modificato, erano presenti in sordina anche alcuni nomi storici tedeschi come la Agfa e la Zeiss.                                                                                                                                                                                             Il cronista nel suo articolo però osservava in particolare come l'industria italiana avesse approfittato della difficoltà dell'industria tedesca per fabbricare soprattutto fotocamere senza curasi troppo della possibilità di produrre anche obiettivi e lenti.                                               Eppure in Italia esistevano aziende in grado di studiare e fabbricare prodotti di qualità, come le Officine Galileo, la San Giorgio e la Ducati, questo comportamento aveva così favorito l'industria fotografica francese e svizzera.

    Altri apparecchi fotografici videro la luce in quell'anno, alcuni verranno prodotti in grande numero e saranno comuni tra i dilettanti italiani, come le Ferrania Falco e Condor e la Bencini Comet che darà il via ad una dinastia di apparecchi semplici ed economici, forse i più adatti ad una vera diffusione di massa della fotografia, almeno in quel periodo e negli anni a seguire.


VOCI DALLA FIERA DI MILANO E ALTRI ARTICOLI

FOTOTECNICA
HERMAN

FOTOTECNICA
BANDI

OFFICINE GATTO
SONNE IV

RECTAFLEX
STANDARD 1000

TIRANTI CESARE
CINEFOTO

BENCINI
COMET

FERRANIA
FALCO

  FERRANIA-
                 GALILEO

CONDOR I

BOSCOLI
EFFEBI



HOME
INDIETRO
INDICE
AVANTI
INTRODUZIONE